Martorell, 17/06/2016 - "Proprio come una fabbrica di cioccolato SEAT". Ecco come la madre di Jasper descrive l’esperienza vissuta dal figlio di 7 anni durante la visita dei suoi sogni presso il quartier generale SEAT di Martorell, dove ha potuto vedere da vicino come vengono progettate e costruite le vetture che tanto lo affascinano.

Da quando si è reso conto che la vettura di famiglia è una SEAT, Jasper ha cominciato a leggere e rileggere le brochure di ciascun modello e, nonostante la sua tenera età, a scoprirne ogni aspetto a lui comprensibile quanto a dotazioni, performance e tecnologia. Vedendo tanta passione, la madre Karen Cowan ha deciso di contattare SEAT per organizzare una visita in uno showroom dell’azienda vicino a casa, in Inghilterra.


Con grande sorpresa ha ricevuto da SEAT l’invito a visitare la sede dell’azienda di Martorell, alle porte di Barcellona. "Non potevamo crederci!", ammette Karen, ancora emozionatissima. E così la famiglia Cowan è partita alla volta di Barcellona, dove lo stabilimento di Martorell è diventato un forziere pieno di tesori per Jasper.

Un team di progettisti ha aspettato il bambino e la sua famiglia all’entrata principale del Centro di design. Jasper è corso loro incontro per salutarli e ha chiesto: "Siete stati voi a creare i modelli Alhambra e Leon?". Una volta entrati, Tony Gallardo, uno dei progettisti, ha illustrato il processo che occorre seguire per creare una vettura. Jasper si è poi soffermato davanti a un modello in argilla a grandezza naturale di una vettura: "Perché è fatto di questo materiale?", ha chiesto sorpreso accarezzandolo con le mani. "In questo modo possiamo sapere quali saranno le dimensioni reali e apportare le modifiche necessarie", ha detto Tony.

Dall’altro lato del Centro Tecnico, nel reparto Carrozzeria, Jasper ha osservato stupito gli oltre 2.000 robot che montano una linea di vetture. "Jasper, guarda come ruota quel robot!", ha affermato meravigliata Karen. "Wow, è incredibile!", ha esclamato Jasper con occhi spalancati di meraviglia per tutta la tecnologia che lo circondava. "Sono così sorpreso dal livello delle domande che ci pone", ha ammesso Javier Rivera, Responsabile del reparto Carrozzeria.

"Questa esperienza mi fa pensare che il mondo stia diventando un posto migliore, più istruito e accogliente per le persone con difficoltà visibili ed invisibili", ha affermato Karen. Come se fosse appena uscito da un parco divertimenti, o come ha detto sua madre dalla famosa fabbrica di cioccolato del celebre film di Tim Burton, Jasper ha detto: "Non dimenticherò mai questo giorno. Per tutta la mia vita".