19 febbraio 2019

Verona – Immagina di poter prevedere il futuro. Di evitare possibili conflitti prima che accadano. Con la vettura connessa con il 5G questo, diventerà una realtà.

Cos’è la connettività 5G?

La connettività 5G consente ai guidatori di accedere ad informazioni predittive per prendere decisioni migliori in minor tempo.

Si tratta della 5a generazione di connettività di rete. Con il 3G, gli utenti disponevano di una larghezza di banda ad alta velocità per connettersi ad internet per la prima volta dai propri cellulari. Con l’arrivo del 4G la connessione è diventata più veloce per consentire la visualizzazione di video online e di file di maggiori dimensioni. Ora con il 5G vedremo finalmente l’Internet of things prendere forma, arriva la mobilità del domani.

Rilevamento di ostacoli sulla strada:

“Prima, la vettura poteva fornire solamente informazioni che il guidatore era in grado di vedere. Ora, grazie alla tecnologia 5G, la vettura riceve informazioni dalla città prima che il guidatore possa vederle”, dichiara César de Marco, ingegnere SEAT. La vettura connessa con il 5G in una smart city è in grado di rilevare la presenza di pedoni, ciclisti e ostacoli statici. Ciò consente quindi ai guidatori di accedere ad informazioni predittive per prendere decisioni migliori in minor tempo.

Telecamere, sensori e trasmettitori:


Hardware come telecamere a infrarossi, sensori e trasmettitori sono incorporati nell’infrastruttura per comunicare con la vettura connessa. Nel caso dei pedoni, le telecamere connesse ai semafori ne rilevano la presenza. Le informazioni vengono quindi inviate alla rete 5G e di nuovo trasmesse alla vettura per avvertire chi si trova al volante.


“Per i ciclisti abbiamo integrato ulteriori tecnologie in considerazione della maggiore velocità con cui si spostano. Abbiamo aggiunto l’elettronica alla bici, e piccoli segnalatori elettronici nell’infrastruttura della città”
, spiega de Marco.

Quanto è veloce il 5G?

“Con la connettività 5G, il tempo di reazione dal momento in cui la vettura rileva un ostacolo a quando esso viene segnalato corrisponde a circa 5 millisecondi”, sottolinea de Marco.

Una delle caratteristiche della tecnologia 5G è la bassa latenza, ovvero il tempo richiesto da una rete per rispondere ai comandi. Per fare un esempio, il tempo di reazione degli umani al tocco, alla vista o all’odore è pari a circa 150 millisecondi.

Reti, server e big data per le smart city

Il successo delle vetture dotate di tecnologia 5G dipende dalla predisposizione dell’ambiente in cui si trovano ad operare. È compito delle amministrazioni locali e delle aziende di telecomunicazioni implementare innanzitutto le infrastrutture. “Stiamo aggiornando le nostre reti di sistema e installando i nostri server più vicino all’utente finale”, afferma Leticia López, portavoce di Telefónica. “E stiamo utilizzando un’applicazione per la gestione del traffico in grado di fornirci dati in tempo reale”.

Tecnologia che salva

Pedoni, ciclisti e motociclisti sono vittime di quasi la metà di tutti gli incidenti stradali in Spagna. Ora, con l’avvento della tecnologia 5G, si potrebbe arrivare ad una riduzione degli incidenti fino al 68%, secondo le stime delle associazioni automobilistiche 5G internazionali.